NOTE A MARGINE

                                        

SPIRITO LIBERO

Ad un tratto 

sentii un richiamo selvaggio, 

un istinto primordiale,

un eco lontano 

che rispondeva al nome di umanità.

Per un istante,

uno straccio di tempo indifeso

mi liberai dalle mie futili sicurezze

ed in preda ad un incontrollabile desìo

raggiunsi quel posto tanto sognato 

che rispondeva al nome di libertà.

STORIE ANTICHE  (per Nilla)

V'eran momenti in cui

il fervoroso ascoltar di storie antiche e tempi lontani

mi accarezzava come uno zefiro crepuscolare, 

un sospiro d'antica quiete ormai repressa.

 

Conobbi donne massaie,

uomini "agresti": 

umili gesta di gente comune

ed anime pure. 

 

Il caldo tepore della tua voce

mi intrappolava

in un eremo infinito

dolce nemesi di un lungo viaggio temporale.

 

Risa

sussurri,

sguardi,

connaturata complicità.

Ascoltavo

con le orecchie di un bambino, 

bambino che si fa ragazzo,

ragazzo che si fa uomo.

Ed oggi,

laddove il tempo fugge per mostrarsi al domani

riecheggiano ancora storie antiche,

voci lontane di anime eterne.

CAMBIO DI MUTA

Incantevole magia

una sinfonia di colori accecanti,

rosei petali,

lenta ripresa di vita terrestre.

Disteso su un verde prato, 

medito.

Di fianco, l'innocente candore di una margherita

scioglie ricordi cementati

sprazzi di coscienza dimenticata

capace di svelare il mondo 

in brividi non umani:

eccitanti tremori di quiete interiore.

Dall'alto di quest' aprico colle

timidi strati di cirri e cirrocumuli

scandiscono il divenire azzurro del cielo

e l'accesa trepidazione della notte.

 

Oh, qual profumo mi pervade l'animo,

ancora

e ancora...

vibro, percosso da un irreale Qualcosa:

 

una malinconica fragranza,

una calda luce empirea 

chissà quale misteriosa essenza mi sovviene

portando con sé un dolce desiderio di primavera. 

ISTANTANEE  DI  UN  GIORNO  QUALUNQUE 

MAI DIMENTICATO  - trilogia 

La sottile linea arancione

che separa l'orizzonte del mare

dal tramontar del sole

nasconde per un attimo 

il nostro domani.

Una lucciola 

gioisce nel buio.

E' una notte d'estate

già gonfia di pentimenti

e lontane evasioni.

Le farfalle 

si cercano 

e si inseguono

pur sapendo

di non durare in eterno.

"VIDA LOCA"

Da un po' di tempo
il mio assopire notturno
è disturbato 
da un canto stridulo ed ininterrotto.
Mai avevo udito prima d'ora
un pennuto dar sfogo
al suo istinto
con voce così perentoria,
all'approssimarsi della notte per giunta!
Che tempera,
che energia..
Ebbene sì, 
anche i polli
fanno le ore piccole?!